Aranzada

13 febbraio 2018 / Ricette
Ingredienti
500 g di scorza d’arancia
500 g di miele
220 g di mandorle


Pelate le arance avendo cura di asportare solo la parte gialla, tagliate la buccia a striscioline sottili e per 3 giorni lasciatele immerse in acqua fredda che andrà cambiata due volte al giorno. Una volta pronte, estraetele dall’acqua e asciugatele con un telo. Pesatele e misurate un’eguale quantità di miele.
Preparate le mandorle immergendole per qualche minuto in acqua bollente, liberatele dalla buccia e tagliatele a metà seguendo la fenditura naturale. In un ampio tegame dal fondo spesso, portate a ebollizione il miele, aggiungete le scorze d’arancia e fate cuocere a fuoco basso per 1 ora, rimestando in continuazione.
A questo punto incorporate le mandorle nel miele e continuate la cottura per altri 20 minuti. Togliete il tegame dal fuoco e, con l’aiuto di due cucchiai di legno, formate dei piccoli monticelli che disporrete su un foglio di carta oleata appena unta d’olio o in piccoli contenitori di carta per pasticceria. Lasciate freddare e indurire.
Tante e tutte squisite le varietà di miele prodotte in Sardegna che posseggono anche proprietà medicamentose. Tra i più tipici, il miele di cardo, di asfodelo, di corbezzolo, di agrumi, di castagno, di eucalipto, di sulla e di millefiori.
Prodotti correlati
Tipo notizie